Giornata nera sul Vettore Muore mentre va al Lago di Pilato Una ragazza scivola per la stanchezza

Ancora un incidente sul Monte Vettore. Stavolta mortale. Nei pressi del Lago di Pilato, due escursionisti provenienti dalla provincia di Perugia sono rimasti coinvolti in un incidente mentre percorrevano il sentiero che dal rifugio Zilioli scende allo specchio d’acqua.

Un elicottero in fase di soccorso sul Vettore

E’ accaduto nelle prime ore del pomeriggio di sabato 14 luglio, a ridosso di un tratto particolarmente scosceso del percorso. Uno dei due, T. L. di 65 anni, è scivolato per cause ancora da accertare ed è rotolato per una sessantina di metri. Subito sul posto alcuni escursionisti che hanno assistito alla scena. Tra di loro un medico che è intervenuto per prestare i primi soccorsi. Chiamati in azione l’elicottero Icaro 2 ed entrambe le squadre di terra del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico della Provincia di Ascoli Piceno e della regione Umbria.
L’uomo scivolato è stato recuperato con il verricello ed trasportato all’ospedale di Camerino. Il compagno, 60 anni, è stato riaccompagnato dalle squadre di terra all’auto che i due avevano lasciato in località Forca di Presta, nel comune di Arquata. Era in evidente stato di shock.
Purtroppo per la vittima della caduta non c’è stato niente da fare. Le lesioni riportate sono state gravissime. E’ deceduto dopo essere arrivato nella struttura ospedaliera camerte.

Allo stesso tempo, su un altro sentiero, quello che conduce al Rifugio Zilioli, una ragazza, F.M. di 27 anni di Chieti, è scivolata a causa della stanchezza, fortunatamente non riportando lesioni. La giovane è stata accompagnata dai tecnici del Soccorso Alpino fino all’auto. Sul posto anche i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Lombardia, in supporto al presidio di Castelluccio.