Tim Cup, la Samb pesca la Sanremese Attacco, caccia al genoano De Paoli

di Benedetto Marinangeli

Sarà la Sanremese, formazione ligure di serie D, l’avversario della Samb nel primo turno della Tim Cup. Il match, con formula secca, si disputerà domenica 29 luglio al Riviera delle Palme. In caso di passaggio del turno i rossoblù affronteranno in trasferta lo Spezia. Chi vincerà troverà la Spal. La Sanremese rappresenta un ostacolo non insormontabile ma si sa, queste prime gare ufficiali nascondono sempre parecchie insidie. Partire bene, però, significherebbe dare un bel segnale alla tifoseria.

Andrea De Paoli

I supporters rossoblù sono, però, presi, dal calcio mercato. L’arrivo di Elio Calderini (contratto annuale con opzione per la prossima stagione agonistica), va a rafforzare il reparto avanzato della Samb. La dirigenza del Riviera delle Palme, però, ha messo gi occhi sul diciannovenne attaccante del Genoa Andrea De Paoli. Secondo un sito del sodalizio ligure, l’operazione è andata a buon fine. Di De Paoli si dice un gran bene. Cresciuto calcisticamente con Brescia e Genoa, a gennaio è passato alla Ternana mettendosi in mostra nella formazione Primavera. Ed ora ecco la Samb.

Franco Fedeli e company, in questa stagione, puntano molto sulla linea verde e sono andati a scovare alcuni giovanissimi talenti alla loro prima esperienza in serie C. Ma sul fronte over si registra l’ aspro confronto tra Andrea Fedeli e i calciatori Francesco Stanco e Mirco Miceli, entrambi legati alla Samb fino al giugno 2019. Il primo vanta un contratto estremamente importante che la società vorrebbe spalmare in un altro anno. Cosa che il procuratore del calciatore ha bocciato.

Micei, invece, curato da Giovanni Tateo con cui Andrea Fedeli è andato in rotta di collisione per Marchi e Curcio, avrebbe chiesto un rinnovo particolarmente oneroso per il suo assistito che vanterebbe richieste dalla serie B. Ed ecco che la permanenza di Miceli alla Samb potrebbe essere messa in seria discussione. Le trattative con entrambi i calciatori, comunque continuano e non è detto che si possa arrivare ad una soluzione positiva. 

Intanto Reggiana, Fidelis Andria e Mestre sono ufficialmente fuori dalla serie C, mentre i ricorsi di Cuneo, Lucchese, Matera, Monza, Pistoiese e Triestina sono stati accolti. Secondo il presidente della Lega di C Gabriele Gravina il format da sessanta squadre è salvo.

 «Entro il 27 luglio –dice- chi ha interesse può presentare la domanda di ammissione per quanto riguarda le Squadre B, per quelle di D la richiesta di ripescaggio. Abbiamo interesse che coprano il vuoto di organico, quindi dovremmo arrivare alle 60 compagini».

Per quanto riguarda, infine la composizione dei giorni Gravina è esplicito. «Credo che il principio sarà lo stesso della passata stagione. Ma ne parleremo nel corso del direttivo del 24 luglio».