Cocce, fischietti e pipe Torna la “Festa della terracotta”

Cocce, fischietti e pipe caratterizzate dalla costruzione all’aperto del “forno di carta” per la cottura della terracotta. E poi ancora il mercato di fischietti e ceramiche, laboratori, musica, dimostrazioni e poesie.

Un’immagine della “Festa della terracotta”

Si chiama “Festa della terracotta” e andrà in scena il 27, 28 e 29 luglio in quel di Massignano, stupendo territorio che verrà omaggiato durante il reading di apertura tratto dal libro “Versiammare”di Silvana Sonno (il 27 alle 18 nella sala consiliare del Comune) con gli intermezzi musicali degli alunni della “Scuola di Musica” locale.
Il giorno seguente si entra nel vivo già dalle 10 con l’inizio della costruzione del forno di carta e con “Costruiamo un fischietto in terracotta”,  laboratorio a cura del maestro Onofrio Chieco da Mondovì (in piazza Garibaldi). Stessa location per l’apertura del mercato delle terrecotte e dei fischietti, che avverrà alle 11 e sarà attivo per tuta la durata dell’evento.
Sarà il Museo comunale, invece, a fare da scenario alla mostra “Uccelli uccellacci uccellini. Ceramiche sonore a Massignano” (alle 18), mentre alle 18,30 ecco la personale di pittura di Giuseppe Alesiani “La terracotta nell’arte” e la mostra di ceramica raku (tecnica di origine giapponese) di Vivianne Bou Kheir (sala consiliare).
Alle 20 ecco la musica con Le Jaser e a seguire l’apertura del forno di carta, intorno alle 22.
Finale il 29 luglio, con la dimostrazione per ceramica raku di Caterina Silenzi (alle 17) e il concerto del trio di sax del conservatorio “Pergolesi” di Fermo.