Tesoro: «Il toto ripescaggi rallenta il mercato, Vivarini vuole che Diop resti»

Il direttore sportivo Antonio Tesoro e l’allenatore Vincenzo Vivarini (Foto Edo)

di Claudio Romanucci

Il direttore sportivo Antonio Tesoro, oggi pomeriggio a Cascia, ha fatto il punto della situazione sulla rosa bianconera a venti giorni dalla chiusura del calciomercato. «E’ un momento di stallo per noi e per il mercato in generale, che sta subendo una fase di rallentamento a causa della poca chiarezza sui ripescaggi. Per quanto ci riguarda dobbiamo occuparci delle uscite prima che delle entrate. Buzzegoli ? Non è detto che parta, ci sono state più speculazioni giornalistiche che altro. Essendoci insediati in ritardo, abbaimo messo tutti i giocatori sul mercato per poter vedere che mercato avevano. Tanti hanno offerte, ma chi ha mercato in C vuole la B e chi ha richieste in B vuole la A, quindi ognuno dovrà chiarirsi le idee su quanto fare».

Diop in azione nel test contro l’Atletico Ascoli (Foto Edo)

Capitolo giovani: «Sono di valore e prospettiva, stanno facedo molto bene, su Diop abbiamo rifiutato un’offerta del Torino perché per Vivarini può giocarsi le carte in prima squadra, su Quaranta ci puntiamo perché può essere pronto per dire la sua. Su Parlati e Tassi dico che valuteremo col mister se impiegarli quest’anno nel gruppo della prima squadra o se far fare loro un altro percorso. Lanni? E’ stato il primo calciatore con cui ho parlato ancor prima di insediarmi e al telefono mi aveva palesato l’idea di andare via perché dopo lo scorso anno si sentiva a fine percorso, credo avesse un accordo con l’Avellino ma poi le vincende extra campo hanno interrotto tutto. Ci troviamo con un po’ di indecisione in un ruolo delicato, ma è una matassa da sbrogliare. Aspettiamo il 31 luglio la decisione ultima sull’Avellino, poi dovremo necessariamente prendere una decisione. Necessità del regista? Chiedete questo perché avete fatto fuori Buzzegoli, di cui ho invece grande considerazione: i suoi approcci dal punto di vista qualitativo e dinamico sono positivi. Stiamo valutando Mignanelli, Baldini può essere una piacevole scoperta, Valeau stiamo capendo che impatto può avere in B»
Petkovic ? «E’ un sogno dal quale dovremo presto svegliarci, per lui è stato fatto l’impossibile, ha le caratteristiche giuste per questo Ascoli, ha un’offerta importante da parte della Dinamo Zagabria che lo acquisirebbe a titolo definitivo. Citro? Buon giocatore, può essere un’alternativa».