Foggia-Ascoli 1-0 l’ultima amichevole Segnali positivi in vista del debutto, fra sette giorni è campionato

I tifosi della curva sud nella gara di Coppa con la Viterbese. Cinquanta ultras bianconeri sono stati presenti anche a Foggia (Foto Edo)

Prima (e ultima) vera amichevole per l’Ascoli a Foggia. Finisce 1-0 per i pugliesi sul campo dove in campionato l’allora Ascoli Picchio di Bellini-Cardinaletti-Giaretta rimediò un sonoro 3-0. Per l’Ascoli si chiude così il precampionato, a sette giorni dalla prima giornata (al “Del Duca” con il Cosenza), con tre test, due amichevoli e una gara di Coppa. Bilancio: vittorie sui dilettanti dell’Atletico Ascoli, della Sangiustese e del Martinsicuro, un pareggio (a Gubbio) e una sconfitta (a Foggia) in amichevole, l’incredibile 0-4 di Coppa al “Del Duca” con la Viterbese. Allo “Zaccheria” decide il gol di Chiaretti a metà ripresa. In attesa dell’ok da parte della Lega (questione di tesseramento), Vivarini deve fare a meno di Valentini e Ingrosso e porta in panchina Frattesi e Ardemagni inseriti poi rispettivamente a inizio e a metà ripresa. Non ci sono nemmeno Carpani (sulla via del completo recupero), Rosseti che da quando è ad Ascoli ha trascorso pià tempo in infermeria che in campo, e Ngombo.

In campo Perucchini in porta, Brosco in difesa insieme al baby Quaranta e al “reduce” Padella. I nuovi Mogos e Pinto (o Mignanelli) li fanno Kupisz e D’Elia, Zebli guida le operazioni, sugli esterni agiscono Cavion (nuovo) e Baldini (vecchio) e davanti, in attesa di Ardemagni, di nuovo il duo Ganz-Beretta. Buon primo tempo dei bianconeri che applicano bene il pressing alto come piace a Vivarini. Nella ripresa diverse novità, poi l’inevitabile serie di sostituzioni su ambo i fronti che interrompono più volte la partita. Al 17′ il gol partita di Chiaretti che arriva per primo sulla respinta di Lanni dopo un tiro ravvicinato di Gori. La gara è amichevole solo sulla carta tanto che Vivarini si lamenta con l’arbitro che “rimedia” nel finale con un rosso ad Addae quando il bianconero, appena ammonito, gli dice qualcosa di troppo. Anche sugli spalti dello “Zaccheria” sono state ricordate le vittime della tragedia di Genova. Lo hanno fatto i tifosi di casa così come i 50 tifosi giunti da Ascoli con lo striscione “Vicini al dolore di Genova”.

FOGGIA (3-4-3): Bizzarri; Tonucci (1’st Martinelli), Camporese (14’st Ranieri), Loiacono (1’st Boldor); Zambelli (18’st Gerbo), Busellato (11’st Agnelli), Carraro (18’st Ramè), Kragl; Chiaretti (18’st Galano), Gori (18’st Mazzeo), Cicerelli (39’pt Floriano). A disposizione: Noppert, Cascione, Cavallini, Rizzo, Arena, Sarri. Allenatore: Grassadonia.
ASCOLI (3-5-2): Perucchini (1’st Lanni); Brosco (1’st De Santis), Padella (26’st Mengoni), Quaranta (26’st Diop); Kupisz (26’st Perpepaj), Baldini (1’st Frattesi), Zebli (26’st Parlati), Cavion (21’st Addae), D’Elia (1’st Valeau); Ganz (21’st Ardemagni), Beretta (21’st Tassi). A disposizione: Venditti. Allenatore: Vivarini.
Arbitro: Massimi di Termoli (assistenti Mastrodonato di Molfetta e Rossi di Novara).
Marcatore: 17’st Chiaretti.
Note: spettatori circa 1.000 di cui 50 provenienti da Ascoli. Espulso 40’st Addae (A).