Inizio in salita per il Porto d’Ascoli domani tocca a Monticelli e Grottammare

di Benedetto Marinangeli

Inizio di campionato amaro per il Porto d’Ascoli che cede (2-3) tra le mura amiche alla matricola San Marco Servigliano Lorese. Una gara dai due volti per l’undici di Sante Alfonsi. Passati in vantaggio nel primo tempo grazie ad un rigore messo a segno da Liberati, nella ripresa i biancoazzurri hanno prima avuto con Alighieri al 5’ st la palla per chiudere il match ma poi non sono riusciti ad arginare il ritorno degli ospiti che sono andati a segno per due volte con Gabaldi dopo il pareggio di Juvalè. Mettiamoci anche degli errori in marcatura in almeno due delle reti della formazione fermano-maceratese e la frittata è fatta. A nulla è valso il forcing finale che ha portato solo alla rete di Sensi e che è servita solo per accorciare lo svantaggio.

Alfonsi, allenatore del Porto d’Ascoli

«Abbiamo ancora tanto da lavorare – commenta mister Alfonsi – anche perché abbiamo subito tre reti da calcio piazzato ed a seguito di disattenzioni difensive. Abbiamo avuto l’opportunità per portarci sul 2-0 ma poi ci siamo complicati le cose da soli. Ho qualche dubbio sul primo gol degli ospiti che poteva essere stato realizzato in fuorigioco così come quello di Gaeta annullatoci per presunta posizione di off side. Non dobbiamo abbatterci né deprimerci ma solo bisogna continuare a lavorare con il massimo impegno. Quest’anno, rispetto alla straordinaria passata stagione, sarà un campionato diverso ma sono convinto che il Porto d’Ascoli si toglierà le sue belle soddisfazioni».

«Sono contento per questa vittoria – analizza Peppino Amadio, tecnico del San Marco Servigliano Lorese – perché è giunta su un campo difficile come quello di Porto d’Ascoli e contro una signora squadra. Siamo una neopromossa ed un gruppo profondamente rinnovato e c’è ancora tanto lavoro da fare. Ma, siamo sulla buona strada perché vedo nei ragazzi tanta professionalità. E’ il nostro primo anno in Eccellenza  e non possiamo essere subito pronti. Dobbiamo quindi mantenere il profilo basso e continuare ad allenarci intensamente».

Luigi Zaini, allenatore del Monticelli

Domani (ore 15,30) scendono in campo le altre due formazioni picene impegnate nel campionato di Eccellenza. Al “Pirani” il Grottammare riceverà la visita del Tolentino, una delle favorite alla promozione insieme al Cerreto Fabriano (allenato dall’ex tecnico della Samb Andrea Mosconi). Trasferta a Porto Recanati, invece, per il Monticelli di Luigi Zaini. Completano il quadro della prima giornata di Eccellenza: Biagio Nazzaro-Porto Sant’Elpidio, Fabriano Cerreto-Camerano, Forsempronese-Marina, Pergolese-Atletico Alma, Sassoferrato Genga-Atletico Gallo, Urbania-Montefano.

PORTO D’ASCOLI (4-2-3-1): Di Nardo; Trawally, Manoni, Sensi, Leopardi; Schiavi (40’st Gagliardi), Gabrielli; Alighieri (35’st Granito), Rossi, Cappelli (29’st Gaeta); Liberati. A disp.: Verissimo,Valori, Piunti, Tassotti, Verdesi, D’Alò. All.: Alfonsi.

MARCO SERVIGLIANO LORESE (4-3-3): Falcetelli; Bruni (10’st Iovannisci) Ionni, Pompei, Tomassetti; Mancini (30’st Palombizio), Renzi ( 10’st Iacoponi), Iuvalè; Simonelli (10’st Malaigia), Galli, Gabaldi. A disp.: Innamorati Valenti, Ferretti, Mallus, Paglialunga, Santoni. All.: Amadio.

ARBITRO: Pazzarelli di Macerata.

RETI: 38’ pt Liberati su rigore (P), 18’st Juvalè (S), 21’st e 36’st Gabaldi (S), 48’st Sensi (P).

Note: Spettatori 300 circa. Ammoniti Schiavi (P), Sensi (P), Pompei (S) e Malaigia (S). Angoli 8-3 per il San Marco Servigliano Lorese. Recupero 2’+6′.