Un titolo italiano, un tricolore sfiorato e sette finali centrate: positivo bilancio per gli ascolani

I musici di Porta Solestà sono campioni d’Italia dal 2013 (Foto Andrea Vagnoni)

di Andrea Ferretti

Vanno in archivio anche i Campionati italiani sbandieratori e musici di Serie A1 (Tenzone Aurea) e per i gruppi ascolani si chiude di fatto il 2018 di bandiere, chiarine e tamburi. Le gare di Ferrara vanno in archivio con i tre gruppi ascolani tra i primi d’Italia con il 5° posto finale di Porta Solestà, il 7° di Porta Romana e il 9° di Porta Maggiore. La classifica combinata ha tenuto conto dei risultati ottenuti nelle cinque specialità di singolo, coppia, piccola squadra, grande squadra, musici. Sette le finali raggiunte con la chicca di un titolo italiano e il rammarico di un tricolore sfiorato. Le finali le hanno agguantate Fabrizio Ercoli (singolo di Romana), Luca Sansoni e Stefano Sermarini (coppia di Maggiore), le piccole e le grandi squadre di Solestà e Romana, i musici di Solestà.

La coppia di Porta Maggiore: Stefano Sermarini e Luca Sansoni (Foto Vagnoni)

Questi ultimi portano a casa il sesto tricolore consecutivo (dal 2013) confermandosi imbattibili anche a livello nazionale. Sfortunati i colleghi di Porta Romana che non hanno centrato la finale per soli due centesimi. Grande rammarico in casa rossoazzurra, alla pari di quello di Porta Maggiore che nella coppia aveva ormai assaggiato l’oro dopo il primo posto nelle eliminatorie. Ma Luca Sansoni e Stefano Sermarini, vincitori a luglio ad Ascoli, sono stati superati sul filo di lana, di 0,63, dai pluricampioni ferraresi Baraldi-Malagoli di Borgo San Giacomo.

Se Porta Romana nel singolo è sceso di tre posizioni dalle eliminatorie alla finale con Ercoli (da 6° a 9°), è invece salito dall’8° al 7° posto nella piccola squadra chiudendo con 49,60 alle spalle di Solestà 6° con 50,93. Lo scivolone più grosso, che ne ha compromesso anche la combinata, è stato quello della grande squadra di Solestà passata dal 1° posto del mattino al 4° della sera. Al contrario, quella di Romana è balzata dall’8° al 5° posto.

Dopo la conquista del Palio nelle gare di Ascoli (foto), 7° posto finale per Porta Romana a Ferrara (Foto Vagnoni)

RAMMARICHI E GIUSTIFICAZIONI – Porta Solestà ha evidenziato la mancanza di singolo e coppia sui livelli delle altre tre specialità. Porta Romana avrebbe centrato la finale nella coppia, ma il forfait di Nicola Gattoni ha costretto i rossoazzurri a rinunciare al duo Ercoli-Gattoni, plurivincitore ad Ascoli e campione d’Italia 2012. Porta Maggiore avrebbe guadagnato la finale nel singolo, ma anche qui c’è stato il forfait di Luca Sansoni che ha saltato la prima giornata di gare. Se tutto ciò non fosse stato così, per i tre gruppi ascolani la classifica finale sarebbe stata migliore del 5°, 7° e 9° posto.

IL RIEPILOGO

Singolo: 9° Fabrizio Ercoli (Romana) punti 48,56, 16° Stefano Sermarini (Maggiore) 23,54, 21° Gianluca Capriotti (Solestà) 21,83, 34° Edoardo Pavoni (Solestà) 18,22, 39° Jacopo Cinelli (Romana) 13,91, 40° Federico Cittadini (Maggiore) 9,76.

Nardinocchi-Capriotti, la coppia di Porta Solestà (Foto Vagnoni)

Coppia: 2° Sansoni-Sermarini (Maggiore) punti 54,28, 12° Capriotti-Nardinocchi (Solestà) 23,61, 13° Pavoni-Federici (Solestà) 23,39, 24° Sermarini II-Lupi (Maggiore) 20,76, 29° Saienni-Gentile (Romana) 18,63, 31° Cinelli-Massetti (Romana) 17,98.

Piccola Squadra: 6° Porta Solestà punti 50,93, 7° Porta Romana 49,60, 9° Porta Maggiore 25,33.

Grande Squadra: 4° Porta Solestà punti 51,68, 5° Porta Romana 50,66, 15° Porta Maggiore 22,61.

Musici: 1° Porta Solestà punti 57,29, 9° Porta Romana 24,69, 10° Porta Maggiore 24,15.

VERDETTI – Il gruppo Città Murata di Montagnana (Padova) vince il suo decimo scudetto e… mette la stella. Retrocedono in Serie A2 Volterra (Pisa), Città di Oria (Brindisi) e Rione Ferraia di Pescia (Pistoia) che nella Tenzone Argentea 2019 affronteranno i gruppi ascolani dei Sestieri di Sant’Emidio e Piazzarola.