Si affrontano armati di bottiglie rotte, l’arrivo della Polizia evita il peggio

di Andrea Ferretti

Ad evitare la rissa vera e propria, con chissà quali conseguenze, sono state le telefonate di alcuni residenti al 113 e, subito dopo, l’arrivo di una Volante della Polizia. E’ accaduto nella notte tra sabato e domenica in quella che una volta era la tranquilla Piazza San Tommaso, nel cuore di Ascoli. Ad un certo punto, intorno alle 2,30, un gruppo di una ventina di ragazzi molto giovani, divisi in due fazioni equamente distribuite, sono passati dalle grida, alle minacce e poi ai… fatti. O meglio stavano per riuscirci se nessuno fosse intervenuto.

Il frastuono, provocato dalla loro azione, è durato più di un’ora ed ha svegliato i residenti. I rumori erano quelli di bottiglie di vetro spaccate per terra e poi usate come vere e proprie armi, oggetti pericolosi che possono solo arrecare danni e provocare feriti e anche peggio. I due gruppi stavano quasi per affrontarsi dopo oltre un’ora di grida, insulti e minacce quando è arrivata l’auto della Polizia, alla cui vista le due fazioni si sono allontanate. Piazza San Tommaso è sempre più spesso luogo di incontro di svariate decine di ragazzi, quasi tutti minorenni. I quali, sia ben chiaro, non commettono reati. Sarebbe però da capire da dove provengono le bottiglie vuote di vino e di birra, intatte o fatte a pezzi, che la mattina successiva sono la prova di improvvisati mini rave party nel cuore del centro storico. L’ultimo tassello del rifacimento di Piazza San Tommaso – unico spazio verde (il colore è un eufemismo) d’Italia con panchine dove per toccare i piedi in terra si deve essere alti almeno 1,85 a causa dei “sarcofagi” partoriti alcuni anni fa dal talento di qualche tecnico comunale – fu anche un piccolo cavallo di battaglia dell’ultima campagna elettorale del sindaco Guido Castelli il quale, con la chiamata alle urne ormai sul collo, inaugurò uno spazio adiacente alla piazza, dedicato ai bambini, che però non era ancora entrato in funzione. La piazzetta è quasi abbandonata, l’erba è un ricordo, i giochi in legno sono rotti, pericolosi e, se non sostituiti, andrebbero buttati via. Piazza San Tommaso è stata anche meta, più volte al giorno, di passaggi di auto di Polizia, Carabinieri e Vigili urbani. Fatte le debite proporzioni, non accade manco a Piazza San Pietro. Come mai?