In Cina con OTS: nel borgo italiano in scala reale un centro commerciale del made in Italy

 

Che i cinesi siano nostri estimatori non è una novità ed il progetto che sta realizzando il gruppo Huayi Brothers Media Corporation (HB), il più importante gruppo nel settore del cinema, televisione, media, ne è una testimonianza. Saranno realizzate in Cina ben 21 città del cinema e la prima, prevista a Changsha, capitale dello Hunan, sarà ispirata all’Italia, precisamente Venezia, e all’architettura di Assisi. Ma non finisce qui. Il borgo italiano in Cina sarà in scala reale e animato dalla manifattura italiana: ci saranno alberghi, ristoranti, negozi, teatri, riproduzioni di edifici storici italiani.

Ma se questo potrebbe, per certi versi, stupire quanto preoccupare gli italiani, non bisogna invece sottovalutare la grande opportunità che il progetto potrà costituire per moltissime aziende che potranno esportare il Made in Italy in un Paese così appassionato alle nostre tradizioni.

La ‘HB Town’, infatti, dista solo 20 minuti da Changsha, capitale della Provincia dello Hunan, una delle città più in crescita della Cina per reddito e consumi (con 7 milioni di abitanti, è anche sede della Hunan Television, seguita da circa 100 milioni di turisti). Insomma numeri rilevanti che non possono lasciare indifferenti i nostri produttori locali che volessero approcciare il mercato cinese.

Il progetto è, infatti, stato presentato in diverse zone di Italia e anche nelle Marche, esattamente a Portonovo, a seguito della visita nella provincia dell’Hunan del governatore Luca Ceriscioli. Liu Qi Dong, presidente di HB Italian Town, ha sottolineato, in più occasioni, che il progetto sarà un punto di partenza per lo sviluppo delle relazioni tra i due Paesi tanto che per il primo anno sono in programma oltre 200 attività dedicate alla promozione dell’Italia (festival, eventi artistici, mostre, eventi culinari e cinematografici). E’ previsto un flusso di 1 milione e mezzo di visitatori il primo anno e 5 milioni entro il terzo anno. HB sta lavorando alla selezione di aziende italiane interessate all’apertura di attività commerciali all’interno della “HB Town”: dal settore enogastronomico a quello artigianale, in senso ampio, integrando all’aspetto commerciale la trasmissione dei contenuti culturali e stili di vita.

Sono molto interessanti le prospettive di business per le aziende italiane dei settori moda, food & beverage, design, arredamento, ristorazione (nonché scuole di cucina), cultura, artigianato tipico e per gli operatori professionali, singoli e organizzati, come chef, maitre, sarti, laboratori, scuole, accademie. All’interno della HB Town ci sarà una struttura, “Casa Marche” interamente dedicata alla nostra regione.

Silvio Baldassarri, presidente di OTS SpA

OTS S.p.A., sempre attenta allo sviluppo delle realtà locali, sta lavorando con “HB Town” per esportare i prodotti tipici del nostro territorio con la competenza e la professionalità che da 30 anni contraddistingue l’azienda del presidente Silvio Baldassarri.

OTS, per le esportazioni in Cina, offre servizi sia via aerea che via mare, che non solo si avvalgono di tecnologie innovative ma sono personalizzati secondo i bisogni del cliente ed in base ai tempi di consegna richiesti.

Il servizio di trasporto e di consulenza in materia doganale ha già permesso a diverse realtà locali di posizionare prodotti (scarpe, borse, abbigliamento ma anche vino) in questa nuova struttura che rappresenterà la nostra regione in Cina.

Per informazioni www.otsspa.com/section/contatti

 

La sede di Civitanova di OTS SpA

Articolo promoredazionale