Tutti a scuola: trentamila bambini e ragazzi pronti per la prima campanella

La scuola Malaspina di Ascoli: anche qui i Nas hanno controllato la situazione delle vaccinazioni (Foto Perozzi)

di Stefania Mistichelli

Tutti a scuola. Da domani, dopo tre mesi di vacanze, nella provincia saranno quasi 30.000 i bambini e i ragazzi che torneranno a popolare le aule degli istituti scolastici del Piceno. Dalle scuole dell’Infanzia agli Istituti superiori di secondo grado, la popolazione in età scolastica dai tre ai 18 anni supera infatti (dato Istat) le 28.000 unità. Una marea di giovani e giovanissimi che, secondo il calendario regionale, siederà sui banchi di scuola, con le dovute pause, fino all’8 giugno (30 giugno i bambini dell’Infanzia).

Di questi, quasi 9.000 gli alunni frequentanti la scuola Primaria (Elementari nella vecchia dicitura), 5.400 la scuola media e oltre 9.000 le superiori. Tornano sui banchi tra nuovi progetti e vecchi problemi, primo fra tutti quello dell’edilizia scolastica, solito tallone d’achille delle Amministrazioni locali.

Valentina Bellini, dirigente scolastico dell’Isc Ascoli Centro (Foto Vagnoni)

«I ragazzi tornano a scuola trovando un organico ben strutturato – fa sapere Valentina Bellini, dirigente dell’Isc Ascoli Centro – funzionale al novanta per cento già da lunedì. Per quanto riguarda le vaccinazioni, la scorsa settimana abbiamo avuto il controllo dei Nas che hanno rilevato che tutto è stato fatto secondo i canoni. Manca ancora qualcosa sul piano dell’edilizia scolastica: abbiamo infatti ancora due plessi delocalizzati e non sappiamo quando si risolverà la situazione. Per quanto riguarda gli iscritti, sono 1.003 in totale. Molti bambini si sono spostati durante l’estate: ho letto questo fenomeno come ulteriore riconferma di fiducia che i genitori ripongono nell’offerta didattica portata avanti dall’Isc. Per quanto riguarda i progetti, fin da subito partiamo con un progetto europeo di 17mila euro: interessa i bambini dell’infanzia e coniuga l’apprendimento dell’inglese con insegnanti madrelingua alla scoperta del centro storico cittadino».

L’Ufficio Scolastico Provinciale di Ascoli (Foto Vagnoni)

Facendo una rapida carrellata dell’offerta scolastica cittadina, torna anche questa anno per gli studenti della Cantalamessa la sezione 8-14 (orario scolastico lungo dal lunedì al venerdì per lasciare libero il sabato) e l’inglese potenziato, l’avviamento allo studio dello strumento musicale come materia curriculare alla Luciani, tanti progetti (coro, inglese, scienze e sport) a Monticelli, anche se la particolarità di questo anno è forse l’adesione massiccia di scuole di ogni ordine e grado a progetti qualificanti e innovativi dal punto di vista, soprattutto, della lotta alla povertà educativa. Tra questi da citare due, corposi in termini di iniziative e di finanziamenti, che fanno capo alla “Fondazione Con i bambini”, grazie ai quali nella città di Ascoli arriveranno diverse centinaia di euro. Si tratta del “Progetto Dazeroasei!”, soggetto capofila il “Consorzio Il Picchio”, che è stato ritenuto ammissibile a finanziamento per un importo di 500 mila euro, rivolto appunto ai più piccoli, e di Non uno di meno, soggetto capofila la “Cooperativa Pagepha” (costo del progetto 700.000 euro, per un finanziamento a fondo perduto di 600.000 euro) rivolto ai ragazzi in età adolescenziale, che coinvolgerà moltissime scuole superiori del territorio.