Ascoli-Perugia al 26° atto un quasi derby in quasi perfetta parità

Cacia durante Ascoli-Perugia del 15 novembre 2015: finì 1-0 e segnò lui. Alle sue spalle l’allenatore Mangia

di Andrea Ferretti

Il Perugia è una delle squadre che, vista anche la posizione geografica delle due città, l’Ascoli ha affrontato più volte nel corso dei suoi 120 anni di storia. La partita si è giocata ben 25 volte – 15 al Del Duca e 10 al vecchio Squarcia – in tutti i campionati: dalla Serie A (4) alla Promozione Interregionale (1), passando per la Serie B (8), la Serie C (5), Quarta Serie (1), Prima Divisione (3), Seconda Divisione (1) e Coppa Italia (2). Quella di sabato è la sfida numero 26, la nona in B. La prima sfida risale all’8 gennaio 1928, 91 anni fa. Le ultime tre, consecutive, in B: una vittoria e un pareggio entrambi decisi da Cacia e un pari in rimonta la passata stagione. Lo score di Ascoli-Perugia è quasi in perfetta parità: 9 vittorie dell’Ascoli, 8 pareggi, 8 sconfitte, 25 gol del Picchio e 26 del Grifone. Ecco il 3-5-2 schierato l’ultima volta (28 aprile 2018) da Cosmi: Agazzi; Padella, Mengoni, Cherubin; Mogos, Addae, D’Urso, Kanoutè, Mignanelli (10’st Florio); Varela (29’st De Feo), Monachello (39’st Ganz).

CURIOSITA’ – Ascoli-Perugia è stata anche una delle rarissime partite giocate con il “Del Duca” a porte chiuse per l’inagibilità dello stadio a causa delle scosse di terremoto del 24 agosti e di fine ottobre. Era il 20 novembre 2016. A proposito di terremoto, c’è un precedente che risale al primo incorcio in B tra Ascoli e Perugia. Era domenica 26 novembre 1972, la partita era da poco finita e l’Ascoli aveva vinto 2-1. Alle 17,03 ci fu una terribile scossa di terremoto. Non ci furono vittime, ma quel giorno è entrato a far parte della storia della città e del suo hinterland.

Guberti segnò un gol (per il Perugia) nella gara disputata a porte chiuse nel 2016

EX E DOPPI EX – Gli ex sono tre: Mustacchio e Felicioli sulla sponda umbra, Ardemagni su quella bianconera. Mustacchio fu tra i protagonisti dell’Ascoli di Petrone che conquistò la B nel 2014-2015 con 33 presenze e 5 gol. Alla terza stagione col Perugia, dopo l’Ascoli ha giocato due anni in B nella Pro Vercelli. Felicioli dopo l’ottimo campionato nell’Ascoli ha giocato poco sia lo scorso anno col Verona in A che quest’anno col Perugia. Ardemagni è stato nel Perugia in due momenti diversi: in C nel 2006 arrivato dal Milan per farsi le ossa e in B nel 2015 e 2016 con 52 presenze 17 gol. Di doppi ex ce ne sono tanti. Tre nomi su tutti: Walter Alfredo Novellino quando era calciatore e gli allenatori Carlo Mazzone e Ilario Castagner.

SERIE B

1972-1973   2-1   Morello, Bertarelli (A), Colautti (A)

1973-1974   1-0   Vezzoso

1985-1986   1-1   autogol Perrone, Barbuti

1994-1995   1-1   Bierhoff, Pagano

2004-2005   0-1   Floro Flores

2015-2016   1-0   Cacia

2016-2017   2-2   Guberti, Perez (A), Dezi, Cacia (A)

2017-2018   2-2   2 Cerri, Addae (A), D’Urso (A)

SERIE A

1975-1976   1-2   Zandoli (A), Vannini, Novellino

1978-1979   0-0

1979-1980   1-0   Moro

1980-1981   0-3   Bagni, Di Gennaro, De Rosa

SERIE C

1938-1939   1-0   Di Antonio

1945-1946   1-3   Santurbano (A), Masciolini, Galassi, Bruni

1960-1961   2-0   autogol Ferri, Tenente

1961-1962   0-1   Castagner

2013-2014   0-1   Sprocati

QUARTA SERIE

1952-1953   0-0

PRIMA DIVISIONE

1930-1931   1-1   Kregar, Povero (A)

1931-1932   1-2   Pacini (A), Ciurli, Pazzaglia

1932-1933   0-3   Bonesini, Vitalesta, Maurin

SECONDA DIVISIONE

1927-1928   2-0   per rinuncia

PROMOZIONE INTERREGIONALE

1951-1952   2-1   Cuoghi (A), Mazzoni (A), Totti

COPPA ITALIA

1979-1980   0-0

2008-2009   3-1   Soncin, Luci, Job