Foggia affossato dal Crotone in meno di un quarto d’ora

di Andrea Ferretti

La seconda giornata di ritorno si apre con il successo esterno del Crotone a Foggia. Due gol nei primi minuti di gioco (6′ Rohden e 14′ Zanellato) mandano al tappeto la squadra di Padalino. Con questi tre punti il Crotone lascia la coda della classifica ed ha buone chance che possa essere così anche dopo che hanno giocato tutte le altre. Il secondo turno dopo il giro di boa potrebbe essere pro Brescia. La squadra di Corini punta all’operazione sorpasso, o a quella aggancio, ai danni del Palermo di scena a Cremona. Un vantaggio le “rondinelle” ce l’hanno: giocheranno conoscendo il risultato della capolista. Il Pescara, terzo solitario, a Livorno rischia se commette l’errore di sottovalutare la squadra di Breda. In coda, Padova al secondo derby di fila: dopo il Verona c’è il Venezia. Il Lecce riceve la Salernitana galvanizzata dal successo sul Palermo. La giornata numero 21 prosegue con il solito spezzatino apparecchiato con quattro gare sabato pomeriggio (tre in contemporanea, tra cui Ascoli-Perugia), tre domenica pomeriggio, una lunedì sera.

L’allenatore del Crotone Stroppa con Vivarini prima di Ascoli-Crotone ultima di andata (Foto Edo)

LA SECONDA GIORNATA DI RITORNO

Venerdì 25 gennaio ore 21: Foggia-Crotone 0-2

Sabato 26 gennaio ore 15: Cittadella-Carpi, Cremonese-Palermo, Ascoli-Perugia

Sabato 26 gennaio ore 18: Salernitana-Lecce

Domenica 27 gennaio ore 15: Venezia-Padova, Livorno-Pescara

Domenica 27 gennaio ore 18: Brescia-Spezia

Lunedì 28 gennaio ore 21: Verona-Cosenza

Riposa: Benevento

LA CLASSIFICA: Palermo 37 punti, Brescia  35, Pescara 33, Lecce 31, Verona e Benevento 30, Cittadella e Salernitana 27, Spezia e Perugia 26, Ascoli 25, Cremonese 23, Venezia 21, Cosenza 20, Crotone e Carpi 17, Foggia 16, Livorno e Padova 15.

I MARCATORI

15 gol Donnarumma (Brescia)

12 gol Mancuso (Pescara)

9 gol Coda (Benevento)

8 gol Pazzini (Verona)

7 gol Vido (Perugia), Torregrossa (Brescia)

6 gol La Mantia e Mancosu (Lecce), Nestorovski (Palermo), Palombi (Lecce), Verre (Perugia) Diamanti (Livorno)

5 gol Bocalon (Salernitana), Bonazzoli (Padova), Di Mariano (Venezia), Finotto (Cittadella), Okereke (Spezia), Tutino (Cosenza)

4 gol Ardemagni e Brosco (Ascoli), Casasola (Salernitana), Falco (Lecce), Giannetti (Livorno), Iemmello e Mazzeo (Foggia), Morosini (Brescia), M. Ricci e Pierini (Spezia), Schenetti e Strizzolo (Cittadella), Kragl (Foggia), Trajkovski (Palermo), Firenze e Kwankwo (Crotone)

3 gol Cavion (Ascoli), Bandinelli e Insigne (Benevento), Bartolomei (Spezia), Bisoli (Brescia), Capello e Cappelletti (Padova), Citro (Venezia); Vitale, Pucino e Di Tacchio (Salernitana), Budimir (Crotone), Di Carmine (Verona), Jelenic (Carpi), Iori (Cittadella), Gerbo (Foggia), Maniero (Cosenza), Melchiorri (Perugia), Brugman e Monachello (Pescara), Piccolo e Mogos (Cremonese), Mokulu (Carpi); Falletti, Moreo e Puscas (Palermo)

2 gol Asencio, Improta e F. Ricci (Benevento), Baclet (Cosenza); Castrovilli, Terranova, Paulinho e Brighenti (Cremonese), Ganz e Ninkovic (Ascoli); Mbakogu, Clemenza, Mazzocco, Cappelletti e Ravanelli (Padova); Loiacono, Tonucci, Deli, Galano, Camporese e Cicerelli (Foggia), Ryder Matos e Caracciolo (Verona); Pasciuti, Vano e Concas (Carpi), Bentivoglio (Venezia); Cocco, Del Sole e Gravillon (Pescara), Rosina (Salernitana), Scavone e Tabanelli (Lecce), Raicevic (Livorno); Galabinov, Gyasi e Crimi (Spezia), Henderson e Zaccagni (Verona), Kouan (Perugia), Jajalo, Rajkovic e Salvi (Palermo), Rohden (Crotone), Tremolada (Brescia)