La voce suadente della Misseri nel cuore ferito dei Sibillini

La splendida Rosalia Misseri a Montemonaco

Senza clamori, in silenzio, con discrezione, la voce di Rosalia Misseri ha accarezzato le ferite dei Monti Sibillini. In un giorno che non sarà mai più come gli altri, l’attrice e cantante siciliana ha scelto la strada di chi crede più nei fatti che nelle parole, quella preferita dalla gente di montagna. Così, sorprendendo un po’ tutti, ha premuto il tasto pausa alla voce “impegni di lavoro” e si è recata in visita in quel di Montemonaco, spinta dal desiderio di vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto e da vincoli amicali difficili da spezzare. «Ho molti amici in queste terre e oggi non posso non rivolgere il mio pensiero a chi non c’è più» ha detto alle persone intervenute presso l’agriturismo “La Cittadella”, uno dei simboli del territorio, rinato dopo i danni subiti delle scosse.
L’attrice e cantante siciliana, nota soprattutto in teatro, per i suoi ruoli in musical sbanca botteghino come “Notre Dame de Paris” di Cocciante, “Tosca – Amore disperato” di Dalla e “I promessi sposi – Opera” di Guardì, e tv (“Tale e Quale Show” su tutti), nel giornata del 24 agosto è stata dunque accanto al cuore colpito delle Marche, per guardare insieme ai presenti ad un passato ormai indelebile e per infondere forza ad un futuro che deve restituire la serenità a chi l’ha persa. La giornata si è conclusa a tavola, tra i sapori dell’entroterra ascolano e tra gli amici di sempre, facendo in modo che dal ricordo nasca una serata di unione fraterna e di solidarietà.