A14, si torna allo scambio di carreggiata Il 7 settembre dovrebbe riaprire la galleria

di Maria Nerina Galiè 

E’ in netto miglioramento la situazione in A14, tra San Benedetto del Tronto e Pedaso, già dal primo pomeriggio del 2 settembre. Il controesodo va scemando e l’incubo dei giorni scorsi potrebbe essere archiviato. Ma non è detto. Dalle 20 di lunedì 3 settembre termina l’ordinanza con cui la società Autostrade ha permesso il transito al traffico leggero nella carreggiata sud. Il “mini-tunnel”, che corre all’interno della Galleria Castello di Grottammare, andrà a riposo e si tornerà a circolare su corsie alterne solo sulla carreggiata nord. E’ prevista però la riapertura completa della sud per venerdì 7 settembre: la struttura metallica lunga 200 metri e alta 4,10 dovrebbe essere innalzata e vi potranno passare anche i mezzi pesanti.

L’autostrada in tilt a fine agosto

Va meglio ad inizio settimana, ma ci sono ancora code di circa 2 chilometri, in entrambe le direzioni, nonostante la carreggiata nord sia libera da restringimenti dalle 8 del mattino. I mezzi pesanti che viaggiano in direzione sud sono tutt’ora obbligati ad uscire al casello di Civitanova Marche e non a Pedaso, come invece voleva l’ordinanza dello scorso 30 agosto. Solo così è stato possibile arginare l’inesorabile allungarsi delle code nel fine settimana e lunedì.
Come più volte ricordato, il tratto autostradale che serve il piceno è stato “tagliato a metà” dall’incidente che lo scorso 23 agosto ha reso inutilizzabile la carreggiata sud all’altezza della galleria Castello di Grottammare fino al 31 agosto. La riapertura per il solo traffico leggero è stata possibile solo dopo la realizzazione del “mini-tunnel”. La misura, che ha liberato la carreggiata nord dal restringimento, si è però dimostrata insufficiente di fronte alla pressione del controesodo. Venerdì e sabato sono state registrate code in autostrada fino a 12 chilometri e ingorghi sulla Statale Adriatica, da San Benedetto del Tronto a Cupra Marittima, dove venivano dirottati i mezzi pesanti.
Il blocco domenicale della circolazione dei mezzi pesanti più che la riapertura della carreggiata sud, ha permesso lo smaltimento di code che erano ancora di 6 chilometri nella tarda mattinata di domenica. E’ comunque rimasto alto lo stato di allerta nell’ultimo giorno di controesodo. Polizia stradale e autostradale hanno pattugliato l’autostrada ma anche i percorsi alternativi e la Prefettura di Ascoli Piceno ha richiesto per la giornata di domenica il servizio sanitario supplementare delle ambulanze della Misericordia di Grottammare e della Croce Verde di San Benedetto del Tronto.