«Samb, è tutta colpa mia», Franco Fedeli recita il mea culpa dopo il pareggio con la Vis Pesaro

Mister Beppe Magi osserva pensieroso i suoi ragazzi (Foto Cicchini)

di Benedetto Marinangeli

«Tutta la colpa è mia». Testi e musica di Franco Fedeli, dinanzi a microfoni e taccuini dopo il pareggio interno con l Vis Pesaro. «L’allenatore –aggiunge- l’ho scelto io, i giocatori pure insieme allo staff, purtroppo abbiamo sbagliato, io per primo perché sono il presidente. Alcuni giocatori della passata stagione mi sono rimasti sul groppone e questi sono i risultati».

E’ un Fedeli in tono dimesso che prosegue così la sua disamina sul derby con la Vis Pesaro. «Non so come mettere mano a questa situazione. La partita l’ abbiamo vista tutti ed il problema è che non abbiamo gioco ed è inutile discuterne. Una terza brutta serata. In tre partite abbiamo presentato tre formazioni diverse. Forse Magi non si sente sicuro. In genere dopo una prestazione del genere facevo fuoco e fiamme, oggi invece, sono particolarmente demoralizzato. E’ brutto quando ti viene mancare l’entusiasmo. Posso perdere, pareggiare, ma ciò che non deve mi mancare sono le motivazioni».

Sui rimedi per uscire dalla crisi, Fedeli la pensa così. «Ormai i danni sono stati fatti. Dobbiamo lavarci i panni in casa ed andare avanti. Prima o poi arriveranno le vittorie ma se l’atteggiamento sarà sempre questo, la vedo dura. Ad oggi saremo salvi».

Tocca poi a Beppe Magi prestarsi al fuoco di fila delle domande degli addetti ai lavori. «Sapevamo –commenta- che facevamo una partita poco bella ma di sostanza. Ed eravamo quasi riusciti a portare a casa la vittoria. Purtroppo il pareggio allo scadere fa uscire fuori tutto ciò che di negativo ci sia stato nella prestazione. E’ vero abbiamo tirato poco in porta, ma la conclusione è figlia del gioco. Se non si tiene palla a  metà campo alla fine concludi poco».

Stimolato sulle prestazioni dei singoli, Magi è esplicito. “Ci sono giocatori importati che possono acquisire la migliore condizione solo giocando. Mi riferisco a Stanco, Signori e Russotto che sono in ritardo rispetto gli altri  a livello atletico. Dobbiamo essere consapevoli di ciò che siamo e cioè essere meno belli e lottare su ogni pallone. I fischi –conclude Magi- fanno male e siamo molto dispiaciuti per averli presi. Ora dobbiamo trasformare questa rabbia negativa in positiva. Abbiamo un’ altra partita tra tre giorni e vogliamo raggiungere la prima vittoria che oggi abbiamo soltanto sfiorato».

«C’è tanta amarezza –è il difensore Andrea Zaffagnini che parla- ma dobbiamo sbloccarci. La Samb c’è, ci alleniamo bene, abbiamo un bravo allenatore. Dobbiamo solo acquisire maggiore fiducia e lo possiamo fare solo con una vittoria. Oggi speravamo di vincere ma non dobbiamo abbatterci. A Gorgonzola scenderemo in campo per conquistare il risultato pieno. Siamo una squadra forte e si sa che basta una vittoria per acquisire maggior sicurezza. Abbiamo solo bisogno dei tre punti per sbloccarci. I fischi del pubblico? I tifosi ci hanno sempre sostenuto e ci sta che non approvino la nostra prestazione».

Soddisfatto il tecnico della Vis Pesaro Leonardo Colucci. «Sono contento perchè i cambi effettuati hanno portato al pareggio. Un  risultato meritato perché a San Benedetto abbiamo giocato viso aperto. Un risultato che dà continuità a ciò che abbiamo fatto domenica scorsa».