A processo l’indiano di Comunanza che maltrattava la moglie

Il palazzo di giustizia (foto Vagnoni)

Aveva minacciato la moglie e la figlia con delle forbici finendo, alla fine dello scorso mese di agosto, in carcere a Marino del Tronto dove ci è rimasto per diversi mesi. Ora un cittadino indiano di 44 anni residente a Comunanza è stato rinviato a giudizio per maltrattamenti dal giudice Rita De Angelis che ha rigettato la richiesta di rito abbreviato presentata dall’avvocato difensore Sabrina Furone. Il processo si aprirà l’11 marzo. A fine ottobre, durante l’incidente probatorio, svoltosi sempre al Palazzo di Giustizia alla presenza di uno psicologo, erano state ascoltate la moglie e la figlia dell’uomo, assistite dall’avvocato Emiliano Carnevali, che avevano confermato gli episodi “sopra le righe” dell’uomo ribadendo comunque il ruolo del marito e del figlio come unica fonte di sostentamento economico per la famiglia. La bambina è comunque seguita ed aiutata dai servizi sociali di Comunanza e da tutta la comunità locale. Al momento l’uomo ha il divieto di avvicinarsi al nucleo familiare.

«Quando torna a casa papà?»: la figlia chiede di rivedere il padre violento

Minacce e lesioni domestiche, arrestato un uomo di 44 anni