Categoria: Artigianato

Posted on: 5 Novembre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Il travertino: un’eccellenza picena

II lapis tiburtinus, comunemente detto “travertino”, è una pietra di origine chimica derivata dalla trasformazione del carbonato di calcio contenuto nelle acque. Nasce in profondità e si stratifica sopra altre rocce, con un processo di sedimentazione che è la naturale conseguenza di una reazione tra vari elementi. Considerata la biodiversità degli elementi, possiamo dire che il travertino è un prodotto autoctono

Posted on: 29 Ottobre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

La nascita del telaio e dell’arte del comporre

Il telaio fa la sua comparsa nell’era neolitica, come una semplice intelaiatura rettangolare, costruita con rami o pali di legno messi in posizione verticale sui quali era posto, in alto e perpendicolarmente ad essi, un terzo bastone, detto subbio. Da questo elemento partivano i fili dell’ordito la cui tensione era ottenuta tramite pesi, in argilla o pietra, che oggi si trovano numerosi negli scavi archeologici. Già intorno al 3000-2500 a.C.…

Posted on: 24 Ottobre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Le meravigliose tarsie dello studiolo di Federico da Montefeltro

Si affaccia sul piano nobile tra i due torricini del quattrocentesco Palazzo Ducale di Urbino, lo studiolo di Federico da Montefeltro, considerato a tutti gli effetti il riflesso interiore del Duca, lo specchio della sua anima e il luogo che più descrive il carattere intimo dell’illustre signore.

Posted on: 15 Ottobre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Il lavoro del vasaio al tempo dei Piceni

La ceramica picena presenta numerose peculiarità che la distinguono dalle altre produzioni italiche, quali i motivi decorativi geometrici prevalentemente incisi e non dipinti, come i vasi d’importazione, la colorazione arancio-rossastra o grigio-bruna, dovuta dalla presenza di sostanze organiche nell’impasto e da un mancato controllo durante il processo di cottura

Posted on: 2 Dicembre 2018 Posted by: Admin Comments: 0

Il merletto a tombolo di Offida nella storia e nell’arte

Con il termine tombolo si intende sia il prodotto finito della lavorazione che il cuscino cilindrico imbottito di segatura (in dialetto, lu capzzal) su cui si appoggiano, fissandoli con degli spilli, i disegni da seguire e riprodurre fedelmente.

Posted on: 21 Maggio 2018 Posted by: Admin Comments: 0

Il funaio e la ruota

La produzione artigianale di corde e funi in canapa era parte di un universo affine e necessario al mondo della pesca. Il funaio, con il suo movimento perpetuo, era infatti un elemento tipico e caratteristico del borgo marinaro di S. Benedetto del Tronto (AP).

Posted on: 21 Maggio 2018 Posted by: Admin Comments: 0

Il merletto a tombolo di Offida

l disegno del merletto a tombolo è ricavato da modelli disegnati su carta oleata, incollata su cartone poi perforato lungo i bordi. Abili ideatori ed esecutori di disegni operano in paese a servizio delle merlettaie.

Posted on: 21 Maggio 2018 Posted by: Admin Comments: 0

Gli strumenti da lavoro per intrecciare il vimine

Pochi gli essenziali attrezzi da lavoro per la lavorazione e l’intreccio del vimine e ramoscelli di altre piante spontanee reperite in campagna. Prima di tutto serve un coltellino, usato per tagliare rami e canne.