Categoria: territorio

Leopardi_Infinito
Posted on: 4 Dicembre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Compie 200 anni L’infinito di Giacomo Leopardi

Il giovane Giacomo nei momenti di riflessione soleva recarsi sulla cima del monte Tabor a contemplare l’orizzonte. I suoi pensieri correvano oltre quella siepe, affidando all’immaginazione tutto quello che “il guardo esclude”.

Posted on: 19 Novembre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Cecco d’Ascoli: una storia di 750 anni

Tra il ponte di Porta Maggiore e il Forte Malatesta, si erge sinuoso il monumento realizzato negli Anni Venti da Edoardo Camilli, raffigurante Francesco Stabili di Simeone, conosciuto come Cecco d’Ascoli. Cecco d’Ascoli fu poeta, filosofo, medico e astronomo.

travertino_ascoli
Posted on: 5 Novembre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Il travertino: un’eccellenza picena

II lapis tiburtinus, comunemente detto “travertino”, è una pietra di origine chimica derivata dalla trasformazione del carbonato di calcio contenuto nelle acque. Nasce in profondità e si stratifica sopra altre rocce, con un processo di sedimentazione che è la naturale conseguenza di una reazione tra vari elementi. Considerata la biodiversità degli elementi, possiamo dire che il travertino è un prodotto autoctono

luvurghe_acquasanta_sentieri_marche
Posted on: 16 Ottobre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Lu Vurghe: alla scoperta di un antico sentiero tra natura e storia

Il progetto di rigenerazione ambientale de Lu Vurghe nasce con lo scopo di far riscoprire e vivere l’antico sentiero romano, attraverso lo sfruttamento sostenibile dei beni ambientali da parte della popolazione giovanile residente nei comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016.

archeopercorsi piceno
Posted on: 15 Ottobre 2019 Posted by: Admin Comments: 0

Il lavoro del vasaio al tempo dei Piceni

La ceramica picena presenta numerose peculiarità che la distinguono dalle altre produzioni italiche, quali i motivi decorativi geometrici prevalentemente incisi e non dipinti, come i vasi d’importazione, la colorazione arancio-rossastra o grigio-bruna, dovuta dalla presenza di sostanze organiche nell’impasto e da un mancato controllo durante il processo di cottura

Posted on: 2 Dicembre 2018 Posted by: Admin Comments: 0

A Montedinove la mela regina dei Sibillini

Da frutto quasi sparito ad autentico tesoro dei Monti Sibillini, in grado di generare nuovo reddito per gli agricoltori e tutta la filiera agricola. È la mela rosa, da sempre coltivata nelle Marche, nella fascia tra i 450 e i 900 metri di altitudine fino ai versanti dei Monti Sibillini, oggi utilizzata anche per produrre liquori, birra e, ultima novità, anche l’aceto.