Our Blog

  • L’Artigianato del legno ad Amandola

    Nel Piceno, Amandola sorge lungo la valle del Tenna costeggiata di pioppi e dirimpetto ai Monti Sibillini. La vita economica di Amandola, attraverso le corporazioni di arti e mestieri che svolgevano attività legate all’intaglio del legno e all’ebanisteria, alla tessitura, al ferro battuto, allo sbalzo del rame e alla ceramica, […]

  • L’intarsio: l’artigianato delle sfumature

    È l’arte di accostare i colori alternando pregiate essenze di legno, dal faggio al ciliegio, dall’acero al noce. La tecnica dell’intarsio nasce per esaltare i colori e le calde sfumature del legno attraverso disegni e forme decorative di grande suggestione finale, applicate su oggetti, mobili ed elementi d’arredo. Si inizia […]

  • Legno, ebanisteria e intaglio

    La lavorazione del legno nelle Marche è in origine legata all’attività contadina: il mezzadro costruisce i propri strumenti da lavoro, allestendo nella stalla un piccolo laboratorio. Dalla realizzazione di attrezzi agricoli si passa alla costruzione di utensili, madie e panche, fino alle più originali creazioni. Alcune delle produzioni artigianali del contadino richiedono particolare […]

  • Storia dell’oreficeria picena

    Centro di una ricca arte orafa, evolutasi nelle Marche nell’età dei comuni e delle signorie, al tramonto del feudalesimo, è Ascoli Piceno. Tra il Quattrocento e il Cinquecento, l’opera dell’artista orafo Pietro Vannini dona a via del Trivio, la celebre via degli orefici ascolani, già attivi da secoli, uno splendore senza precedenti. Vannini, nato […]

  • Arte orafa

    Le Marche hanno un notevole patrimonio nell’ambito della cultura orafa. I molti laboratori presenti, specie nel Rinascimento, su un territorio a prevalenza agricola sono la testimonianza di un legame profondo tra oreficeria e tradizione. Tra i più importanti centri dell’arte orafa marchigiana, durante l’età dei Comuni e delle Signorie, Ascoli Piceno e Jesiraggiungono […]

  • Il rame di Force

    Fin dai secoli scorsi, il rame ha avuto nelle Marche un’area di produzione molto concentrata, principalmente circoscritta entro i confini del comune di Force (AP), “il paese dei ramai”. Affermatosi al sorgere del Medioevo come centro fortificato (è situato a 689 mt sul livello del mare), il paese di Force gravita successivamente […]

  • Bronzo e campane

    Peculiari produzioni artigianali del territorio sono i “bronzi sonori”: un’illustre protagonista del campo è stata la Premiata Fonderia Campane Pasqualini, sorta a Montedinove (FM) nel XVIII secolo. Basta tornare indietro di qualche lustro per capacitarsi che il suono delle campane civiche o ecclesiastiche non soltanto scandiva le ore o dava l’annuncio delle funzioni […]

  • Lavorazione artistica dei metalli

    La lavorazione dei metalli è tradizionalmente finalizzata alla produzione di attrezzi d’uso domestico e professionale. La presenza di botteghe di fabbri in paese è infatti legata all’esigenza di costruire o riparare oggetti d’uso comune. I fabbri, abituati a modellare il ferro per le più svariate necessità, acquisiscono abilità tecniche notevoli che, […]

  • Marmo scagliola: rivive nel Piceno l’antica fantasia decorativa

    La tecnica del marmo scagliola ha origine dall’obiettivo di riprodurre tonalità e venature del marmo attraverso colorazioni e lucidature di stucco e gesso. Il gesso utilizzato per il marmo scagliola è molto fine e a presa rapida, e si ottiene da un minerale, la selenite (pietra da gesso), reperibile in natura sottoforma di scaglie. Al gesso si […]

  • Restauro, decorazione e pittura

    Le tecniche decorative artigianali costituiscono un prezioso patrimonio artistico regionale. Dalla pittura alla decorazione su ceramica e maiolica, particolarmente diffusa con peculiari temi e colori tradizionali nelle diverse zone della regione, il gusto decorativo e grafico che emerge è raffinato e originale, si realizza attraverso studi progettuali accurati e ricerca su tecniche pittoriche […]