Tag: ascolipiceno

  • Storia e tradizione della ceramica nelle Marche

    Ceramica, dal greco “kéramos”, significa “terra cotta”. Il materiale, allo stato naturale, ha caratteristiche di grande duttilità, mentre dopo la cottura diviene rigido. La lavorazione della ceramica è una delle più antiche tecniche artigianali conosciute fin dalla preistoria. Già dal Neolitico abbiamo tracce di vasellame grezzo impastato e cotto rudimentalmente […]

  • Battistero di Ascoli Piceno

    Il Battistero di Ascoli Piceno e la magia del travertino

    Passeggiando per piazza Arringo nel centro storico di Ascoli Piceno, al lato destro del Duomo di Sant’Emidio salta allo sguardo una costruzione dalle forme particolari realizzata con la caratteristica pietra locale, è il Battistero di San Giovanni, interamente in travertino.

  • Cecco d’Ascoli: una storia di 750 anni

    Tra il ponte di Porta Maggiore e il Forte Malatesta, si erge sinuoso il monumento realizzato negli Anni Venti da Edoardo Camilli, raffigurante Francesco Stabili di Simeone, conosciuto come Cecco d’Ascoli.

  • travertino_ascoli

    Il travertino: un’eccellenza picena

    II lapis tiburtinus, comunemente detto “travertino”, è una pietra di origine chimica derivata dalla trasformazione del carbonato di calcio contenuto nelle acque. Nasce in profondità e si stratifica sopra altre rocce, con un processo di sedimentazione che è la naturale conseguenza di una reazione tra vari elementi. Considerata la biodiversità […]

  • cripta_santemidio

    Gli affreschi della cripta di Sant’Emidio tornano al loro antico splendore

    Il 2019 è stato l’anno in cui sono iniziati i lavori di profondo restauro della cripta di Sant’Emidio. La felice intuizione di S.E. mons. Giovanni D’Ercole, spinta dall’infaticabile don Angelo Ciancotti, era stata sostenuta da alcuni saggi preliminari che al di sotto del vecchio apparato decorativo, avevano lasciato presagire l’esistenza di una composizione pittorica sicuramente pregevole, ma lontana del quella che si è rivelata una inaspettata e splendida sorpresa, apparsa fin dall’inizio dei veri e propri lavori di restauro.